Nuova proroga per il Sistri

Nuova proroga per il Sistri

Italia Oggi – 10 giugno 2011

Acque agitate per il Sistri. Da un lato, l’entrata in funzione del sistema inormatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti viaggia spedito verso una nuova proroga, al primo giugno 2012. Dall’altro, il ministro dell’ambiente, Stefania Prestigiacomo, viene investito dalla richiesta di togliere il segreto di stato sulla gestione del Sistri.

Luigi Chiarello

Acque agitate per il Sistri. Da un lato, l’entrata in funzione del sistema inormatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti viaggia spedito verso una nuova proroga, al primo giugno 2012. Dall’altro, il ministro dell’ambiente, Stefania Prestigiacomo, viene investito da una richiesta: togliere il segreto di stato sulla gestione del Sistri, a seguito dell’indagine penale avviata dalla procura di Napoli e degli avvisi di garanzia emessi. Sullo sfondo, gli alti costi imputati a un sistema mai partito, eppure già gravanti sulle imprese. «L’ammontare dei contributi versati dai soggetti obbligati nel 2010 è dell’ordine dei 65-68 milioni di euro, mentre i costi relativi alla tecnologia ed al funzionamento del sistema si situano intorno al 90% di detta cifra», ha spiegato ieri il sottosegretario allo sviluppo economico, Stefano Saglia, rispondendo in aula a Montecitorio ad un’interpellanza urgente di Simonetta Rubinato (Pd). Poi, Saglia ha aggiunto, che il rimanente 10% dei contributi versati «dovrà servire per coprire gli oneri imprevisti nel 2011 e gli eventuali aggiornamenti tecnologici, mentre le entrate 2011 «saranno di molto inferiori» rispetto a quelle del 2010, «in ragione dell’avvenuta riduzione di oltre la metà dell’entità dei contributi disposta a favore delle pmi». E comunque, «con la procedura automatica di conguaglio avviata», ha spiegato Saglia, «molte imprese che avevano pagato nel 2010 un contributo maggiore sono state esentate dal versamento dei contributi 2011. Le prime stime indicano un ammontare delle entrate pari al 25-30% di quello registrato nel 2010».
La proroga.
A lavorarci su sono i due relatori di maggioranza al ddl di conversione del decreto sviluppo, attualmente al vaglio delle commissioni finanze e bilancio di Montecitorio. L’emendamento di proroga, infatti, è stato presentato direttamente da Maurizio Fugatti (Ln) e Giuseppe Marinello (Pdl) e propone di far partire «l’integrale operatività» del sistema dal 1 giugno 2012. Duro il commento della Rubinato: «Sul Sistri non ci avevamo mai visto chiaro. A partire dall’affidamento da parte del ministero dell’Ambiente del sistema informatico avvenuto senza gara d’appalto, per il quale fino ad oggi imprese ed enti locali hanno versato la bellezza di almeno 90 milioni di euro, per proseguire con le continue proroghe a cui il Governo è stato costretto a causa del malfunzionamento tecnico e gestionale». Resta il fatto che, secondo quanto più volte detto in passato dal ministro Prestigiacomo, sia la decisione di imporre il segreto di stato sul Sistri, sia la scelta della società di gestione del sistema informatico finita poi sotto inchiesta (Selex management spa, gruppo Finmeccanica ndr) «sono state fatte dal precedente governo di centrosinistra».
L’inchiesta.
Oggi, però, a seguito dell’indagine della procura di Napoli e delle ispezioni condotte dalla Guardia di finanza (al ministero dell’ambiente e nelle sedi di Selex e Viacom srl), due parlamentari, Alessandro Bratti, capogruppo del Pd nella commissione d’inchiesta sulle Ecomafie, e Raffaella Mariani, della commissione ambiente della Camera, hanno chiesto «che si faccia luce al più presto», ribadendo: «il ministro dell’ambiente, Stefania Prestigiacomo, durante un question time alla Camera si era pubblicamente impegnata a togliere il segreto di stato sulla gestione dell’affare: chiediamo che mantenga i suoi impegni».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...