Le società inattive escono dal Registro

Le società inattive escono dal Registro

Il Sole 24 Ore – 26 ottobre 2011

Cancellazione d’ufficio dal Registro imprese per le società di capitali che non depositano il bilancio da oltre cinque anni. E senza passare dal giudice del Registro: lo scioglimento avverrà «con provvedimento del conservatore del registro delle imprese». E questa una delle semplificazioni previste nella bozza del decreto legge sullo sviluppo circolata negli ultimi giorni.

Valentina Melis

Cancellazione d’ufficio dal Registro imprese per le società di capitali che non depositano il bilancio da oltre cinque anni. E senza passare dal giudice del Registro: lo scioglimento avverrà «con provvedimento del conservatore del registro delle imprese». E questa una delle semplificazioni previste nella bozza del decreto legge sullo sviluppo circolata negli ultimi giorni. L’obiettivo è quello di fare pulizia nel Registro imprese, “inquinato” da una folta schiera di società non più attive, e garantire anche una più corretta rappresentazione della realtà economica del Paese. Eliminando, peraltro, una parte degli oneri amministrativi e fmanziari per la gestione dei registri. In base alla norma inserita nella bozza del Dl sviluppo, le società di capitali che, all’entrata in vigore del decreto, «non hanno depositato i bilanci di esercizio da oltre cinque anni, nè hanno ridenominato il capitale sociale in euro (…), nè, limitatamente alle società a responsabilità limitata ed a quelle consortili a responsabilità limitata», hanno presentato la dichiarazione per integrare le risultanze del Registro imprese a quelle del libro soci, «sono sciolte senza nomina del liquidatore, con provvedimento del conservatore del registro delle imprese». Lo stesso conservatore dovrebbe comunicare il provvedimento di cancellazione agli amministratori della società, a cui la norma lascia 6o giorni di tempo «per presentare formale e motivata domanda di prosecuzione dell’attività», nonchè le domande di iscrizione degli atti non iscritti e depositati. Il conservatore, dunque, dopo aververificato la cancellazione della partita Iva della società e la mancanza di beni iscritti in pubblici registri, deve eliminare l’impresa dal Registro. La semplificazione, caldeggiata anche dalle Camere di commercio, si affianca – come ricorda la relazione illustrativa – alle altre norme per la pulizia del Registro imprese, avviata con il Dpr 247/2004 (per le imprese individuali e le società di persone), con l’ultimo comma dell’articolo 2490 del Codice civile (per le società di capitali in fase di liquidazione) e con l’articolo 10 della legge 99/2009 (per le cooperative). Si allinea infine con la procedura introdotta dalla manovra d’estate perla cancellazione delle partite Iva non più attive da tre anni.

Annunci

5 pensieri su “Le società inattive escono dal Registro

  1. La cosa sarebbe davvero ottima perchè farebbe risparmiare un sacco di soldi.
    Ma a quale testo fa riferimento? Io non sono riuscito a trovare la fonte.
    La ringrazio per la risposta che vorrà darmi

    1. La norma sopracitata era inserita in una bozza provvisoria.
      Nel testo del Decreto Legge 9 febbraio 2012, n.5 “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo” pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.33 del 9 febbraio 2012 la stessa non è presente.
      La materia è stata nuovamente trattata in 2 emendamenti nel Decreto Legge A.S.3184 “Conversione in legge del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento“. Il Decreto si trova attualmente all’esame dell’Aula del Senato.

  2. Purtroppo anche in questo decreto legge, ormai approvato con tutti gli emendamenti, non v’è traccia della possibilità della semplice presentazione della domanda di cancellazione di una srl inattiva dal RdI senza passare dalla fase della liquidazione (che mi è impossibile). Mi vedrò costretto a ricorrere al tribunale.
    Grazie comunque. Qualora, però, vi siano altre novità, vi sarei grato se mi teneste informato.

  3. Sono amministratore e socio per il 15% di una Srl che è stata costituita ma non ha mai operato ( nessuna assemblea, nessun bilancio, ecc ). Uno dei soci ( 15%) è deceduto poco dopo la costituzione, mentre il restante 70% e di un’altra srl il cui amministratore non è raggiungibile. Io mi vorrei liberare da questa situazione…cosa posso fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...