Detassati i ricavi da e-commerce 170 mln ai grandi progetti di ricerca

Detassati i ricavi da e-commerce 170 mln ai grandi progetti di ricerca

Italia Oggi – 13 settembre 2012

Grandi progetti di ricerca e sviluppo finanziati con 170 milioni di euro. Un nuovo sportello unico per attrarre investitori stranieri. Nuovi incentivi per promuovere il commercio elettronico. Sono queste alcune delle novità in tema di agevolazioni alle imprese attualmente allo studio del governo all’interno del nuovo decreto legge per la crescita.

Roberto Lenzi

Grandi progetti di ricerca e sviluppo finanziati con 70 milioni di euro. Un nuovo sportello unico per attrarre investitori stranieri. Nuovi incentivi per promuovere il commercio elettronico. Sono queste alcune delle novità in tema di agevolazioni alle imprese attualmente allo studio del governo all’interno del nuovo decreto legge per la crescita.
CONTRIBUTI A GRANDI PROGETTI DI RICERCA.
Un nuovo strumento di agevolazione finanzierà i grandi progetti strategici di ricerca e innovazione connessi alla realizzazione dell’Agenda Digitale Italiana. Lo strumento sarà gestito dall’Agenzia per l’Italia Digitale e si concentrerà su obiettivi strategici quali lo sviluppo delle comunità intelligenti, la produzione di beni pubblici rilevanti, la rete a banda ultralarga, fissa e mobile e i relativi servizi, la valorizzazione digitale dei beni culturali e paesaggistici, la salute, la sostenibilità ambientale, i trasporti e la mobilità, la difesa e la sicurezza. I progetti potranno riguardare lo sviluppo di una nuova tecnologia e l’integrazione di tecnologie esistenti in sistemi innovativi complessi che si traducono nella realizzazione in un prototipo di valenza industriale che sia in grado di qualificare un prodotto innovativo. In questo caso, imprese singole o in partenariato tra di loro, eventualmente in associazione con organismi di ricerca, potranno partecipare ad una raccolta di manifestazioni di interesse. Seguirà una procedura negoziale composta da una fase di valutazione tecnico-scientifica, affidata all’Agenzia, di ammissibilità al finanziamento, in termini di contenuto innovativo e potenziale applicativo, eventualmente condizionata a richieste di modifiche dei progetti presentati; una fase successiva prevede invece la definizione di una efficace soluzione di copertura finanziaria dei progetti ammessi, anche sulla base dell’uso combinato di contributi pubblici e privati, prestiti agevolati o altri strumenti di debito e garanzia. I Ministeri interessati, inoltre, svilupperanno un apposito meccanismo di finanziamento con ripartizione del rischio denominato Risk sharing facility per l’innovazione digitale-RSFID in collaborazione con la Banca Europea degli Investimenti, la Cassa depositi e prestiti o altri investitori istituzionali. Il nuovo strumento finanzierà inoltre attività di ricerca finalizzate allo sviluppo di un servizio o di un prodotto innovativo in grado di soddisfare una domanda espressa da pubbliche amministrazioni, attraverso appalti pubblici innovativi che faranno seguito ad appositi accordi di programma con le Regioni e le altre amministrazioni interessate.
DETASSATI I RICAVI DA COMMERCIO ELETTRONICO, MA SOLO PER LE MEDIE IMPRESE.
Uno dei nuovi incentivi allo studio prevede la detassarione dei ricavi da attività di commercio elettronico internazionale delle medie imprese. L’incentivo dovrebbe operare a partire dal 2013 consentendo alle medie imprese che vendono per la prima volta beni e servizi a persone fisiche all’estero tramite commercio elettronico di detassare i relativi ricavi del primo anno di tale attività. Le condizioni per usufruire delle agevolazioni sono che le operazioni di cessione siano avvenute sui mercati internazionali tramite transazioni di commercio elettronico e che il pagamento relativo alle operazioni sia avvenuto tramite strumenti di pagamento elettronico che garantiscano la piena tracciabilità delle transazioni. Altra misura, relativa alle agevolazioni fiscali per i contratti di rete, dà priorità a quelli che prevedono una maggior presenza sui mercati internazionali, anche attraverso strumenti di commercio elettronico.
NASCE DESK ITALIA PER GLI INVESTITORI STRANIERI.
Viene istituito il «Desk Italia — Sportello per l’attrazione degli investimenti esteri presso il Ministero dello sviluppo economico. Svolgerà la funzione di punto di riferimento per gli investitori stranieri che vogliono effettuare significativi investimenti in Italia. Si tratterà di una struttura con il compito di fare da tramite tra l’investitore e tutte le strutture amministrative coinvolte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...