Sgravi per le imprese che investono sul telelavoro

Sgravi per le imprese che investono sul telelavoro

Corriere della Sera – 24 gennaio 2014

Sconti per lo «smart work» nel decreto Destinazione Italia. Caio, Agenda digitale: meno costi per imprese e pubblica amministrazione. 41 milioni di euro: i risparmi annui che il sistema produttivo italiano conseguirebbe adottando politiche di smart working

telelavoro

Rita Querzè

Si scrive smart work o «lavoro agile». Si legge «lavoro dove e quando vuoi», tanto poi alla fine contano i risultati. E l’azienda ti valuta solo su quelli, non sulla presenza in ufficio. La promozione di questo nuovo modo di lavorare sta entrando nell’agenda della politica. Un progetto di legge sarà presentato a giorni (il testo è online su 27esimaora.corriere.it). Con firma tripartisan. A perorare la causa di una nuova organizzazione in azienda, amica allo stesso tempo della conciliazione familiare e delle performance aziendali, sono Alessia Mosca per il Pd, Irene Tinagli per Scelta Civica e Barbara Saltamartini per Ncd. Ieri le tre deputate hanno presentato anche un emendamento al decreto Destinazione Italia (in parlamento per la conversione in legge) in cui si estendono al telelavoro le agevolazioni previste dal provvedimento. In concreto: credito d’imposta del 65% per investimenti fino a 20 mila euro. «Era un passaggio necessario per incentivare davvero questo modo di lavorare», fa presente Messia Mosca. Tra i sostenitori dei vantaggi dello smart work c’è anche Francesco Caio, responsabile dell’Agenda digitale del governo. Che spiega: «La tecnologia ci consente di liberare il lavoro da vincoli di spazio e tempo. Lo smart work può diventare uno strumento di politica industriale. E offrire alle imprese opportunità per ridurre i costi». Ma in che modo il governo può favorire questa evoluzione organizzativa? «Attraverso il sistema pubblico di identità digitale permetteremo a cittadini e imprese di interagire con le banche dati pubbliche. Più aumenterà la standardizzazione delle banche dati, più cresceranno le possibilità di telelavoro. Anche nella pubblica amministrazione». Lo smart work rende più semplice tenere insieme famiglia e lavoro. «Solo il 23% delle aziende attua pratiche di gestione della diversità (non solo di genere) — fa presente Simona Cuomo, coordinatrice del laboratorio sulle diversità della Sda Bocconi —. Il telelavoro non sembra ancora far parte del linguaggio aziendale. Eppure il lavoro agile sarebbe un potente strumento di gestione». Secondo il senatore Tiziano Treu, da sempre impegnato sul fronte dell’innovazione in materia di normative sul lavoro «per sbloccare lo sviluppo del telelavoro è prima di tutto necessaria un’azione culturale, in grado di far apprezzare alle aziende le potenzialità dello strumento». In realtà sono già molte le imprese, soprattutto multinazionali, che stanno introducendo forme di lavoro flessibile. Tra queste Vodafone, circa settemila dipendenti in Italia. «Siamo partiti con un progetto di smart work che riguarda tutto il settore vendite — dicono dal quartier generale milanese del gruppo —. L’intenzione, però, è di allargare l’esperienza ad altri settori. Crediamo talmente che questa strada sia il futuro che tra i nostri prodotti ci sono anche strumenti per le aziende che puntano sul telelavoro».

Annunci

Un pensiero su “Sgravi per le imprese che investono sul telelavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...