Sanzionato chi omette l’iscrizione al Sistri

Sanzionato chi omette l’iscrizione al Sistri

Il Sole 24 Ore – 30 gennaio 2015

Da domenica 1 febbraio costerà caro non essere iscritti al sistema informatico e/o non aver pagato il relativo contributo annuale per il Sistri. Infatti per gli operatori obbligati domani scade la moratoria per le sanzioni relative all’omessa iscrizione e all’omesso pagamento del contributo annuale nei termini previsti.

Paola Ficco

Da domenica 1 febbraio costerà caro non essere iscritti al sistema informatico e/o non aver pagato il relativo contributo annuale per il Sistri. Infatti per gli operatori obbligati domani scade la moratoria per le sanzioni relative all’omessa iscrizione e all’omesso pagamento del contributo annuale nei termini previsti. Pertanto, da domenica 1 febbraio, gli agenti accertatori potranno verificare queste violazionie irrogare le pesanti sanzioni amministrative pecuniarie previste: da 15.500 a 93.00o euro, poiché il Sistri è fondamentalmente riservato ai rifiuti pericolosi. Per le situazioni relative ai rifiuti non pericolosi, gli importi oscillano da 2.60o a 15.500 euro. La sanzione è identica per entrambe le violazioni ed è prevista dall’articolo 260-bis del Dlgs 152/2006, commi 1 e 2. Tutte le altre sanzioni previste dai commi da 3 a 9 di tale articolo e dal 26o-ter, invece, si applicheranno dal i gennaio 2016. Il calendario che ha previsto questa partenza differita delle sanzioni è stato stilato dal decreto legge milleproroghe (192/2014) che con il suo articolo 9 è intervenuto sull’articolo u, comma 3-bis, del Dl 101/2013. Tuttavia sulla definitività dello sdoppiamento della partenza delle sanzioni non è ancora detta l’ultima parola. Infatti il Parlamento sta lavorando sulla conversione in legge del milleproroghe e molti degli emendamenti proposti il 22 gennaio, in sede di discussione alla Camera, mirano a unificare l’applicazione di tutte le sanzioni a decorrere dal 1 gennaio 2016. I termini perla conversione in legge del Dl 192/2014 scadranno il prossimo 1 marzo. In ogni caso, sotto il profilo operativo, fino alla fine del 2015 continueranno ad applicarsi le regole e le sanzioni relative al registro di carico e scarico e al formulario come previste dal Dlgs 152/2006 nella versione vigente prima della riforma intervenuta con il Dlgs 205/2010. Per tutto il2015, dunque, le imprese obbligate al Sistri dovranno seguire il regime del “doppio binario”: compilare e conservare le scritture tradizionali (registri, formulari e Mud) e assolvere gli obblighi imposti dal Sistri. La platea dei produttori di rifiuti obbligati al Sistri è stata ridisegnata dal Dm 24 aprile 2014 nei seguenti termini:
• enti e imprese produttori iniziali di rifiuti pericolosi da attività agricole e agroindustriali, di pesca professionale e di acquacoltura, con più di 10 dipendenti, che non conferiscano i rifiuti a circuiti organizzati di raccolta;
• enti e imprese, con più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti pericolosi da attività di demolizione e costruzione, da lavorazioni industriali, lavorazioni artigianali, attività commerciali, attività di servizio e attività sanitarie;
• enti ed imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e che svolgono attività di stoccaggio (deposito preliminare D15 e messa in riserva R13). Nel portale www.sistri.it si legge che da ieri è stata rilasciata in ambiente di pre-esercizio (simulatore) la nuova versione dell’applicazione di movimentazione. La versione in ambiente di esercizio, sempre stando a quanto si legge nel portale, sarà disponibile dal u febbraio 2015.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...