Entro il 30 aprile la presentazione del Mud

Entro il 30 aprile la presentazione del Mud

Il Sole 24 Ore – 19 aprile 2015

Scade giovedì 30 aprile il termine entro il quale presentare il Mud (Modello unico di dichiarazione ambientale) alle competenti Camere di commercio per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2014 e per le apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) immesse sul mercato nello stesso anno.


Scade giovedì 30 aprile il termine entro il quale presentare il Mud (Modello unico di dichiarazione ambientale) alle competenti Camere di commercio per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2014 e per le apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) immesse sul mercato nello stesso anno. Ogni categoria di obbligati trova nel Mud il proprio modello di comunicazione tra le sei disponibili. Il Mud da presentare quest’anno è oggetto del decreto della presidenza del consiglio dei ministri del 17 dicembre 2014 che, rispetto al precedente modello (Dpcm 12 dicembre 2013), presenta le seguenti principali novità: «sciropposo e vischioso» e «altro» sono i nuovi stati fisici che, ad imitazione di quanto fa il Sistri, si aggiungono al tradizionale elenco. Il produttore del rifiuto subisce una complicazione; infatti, nelle «Schede Rif», deve specificare la quantità dello stesso rifiuto avviata a recupero e quella avviata a smaltimento. Il gestore del rifiuto, invece, gode di una semplificazione; infatti, quando l’operazione R13 (messa in riserva) o D15 (deposito preliminare) precede altre operazioni di recupero o di smaltimento svolte nello stesso impianto, il relativo campo presente nel «Modulo Mg» non va compilato. I cantieri temporanei e mobili, anche di bonifica devono compilare il «Modulo Re» per comunicare la produzione di rifiuti avvenuta fuori dall’unità locale del dichiarante. I rifiuti di imballaggio possono essere indicati con il codice 15 o con il 20. Il Mud prende così atto di un grave errore indotto da quelli contenuti nelle autorizzazioni. Per quanto complesso e laborioso il Mud si conferma (come i registri e i formulari) un punto fermo nella tracciabilità dei rifiuti, nonostante il disordine che il Sistri, nonostante il suo dichiarato fine, era riuscito a indurre addirittura sotto il profilo sanzionatorio. Va ricordato che l’articolo 11 del decreto legge n. 101/2013 (poi convertito dalla legge 125/2013) ha modificato l’ambito di applicazione del Sistri e previsto nuovi termini per l’adesione dei nuovi obbligati. Quindi, fino alla piena operatività del Sistri, il Mud dovrà essere presentato sia dai soggetti non obbligati ad aderire al Sistri sia da quelli obbligati (si veda anche la Circolare del ministero dell’Ambiente n. 1/2013 sul Sistri). Nel dettaglio, destinataria del Mud è la Cciaa della provincia ove ha sede l’unità locale cui è riferita la dichiarazione. Va presentato un Mud per ogni unità locale; l’invio è esclusivamente telematico tranne i casi indicati nello schema. Le dichiarazioni telematiche sono soggette al pagamento di un diritto di segreteria pari a 10 euro per ogni unità locale dichiarante. Il diritto sale a 15 euro per le dichiarazione cartacee. Solo per la Comunicazione Aee non sono previsti diritti di segreteria. Per la trasmissione telematica i dichiaranti devono possedere un dispositivo contenente un certificato di firma digitale (Smart Card o C arta naz ionale dei Servizi o Business Key). Se nel 2014, non sono state effettuate attività per le quali è prevista la comunicazione, non occorre presentare un Mud in bianco. Va ricordato infine che i professionisti che producono rifiuti pericolosi assolvono all’obbligo conservando, in ordine cronologico, copia dei formulari per il trasporto (Legge 29/2006, articolo 11).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...